Citazione

Una scoperta lanosa: Gomitoli’s

Le même billet en français se trouve ici.

A volte capitano nella vita quei momenti… quelli in cui qualcuno ti confessa qualcosa di grave e profondo, qualcosa che ti commuove e ti addolora, lasciandoti segni incancellabili.
Si, sto parlando proprio di quello. Sto parlando di quando il Signor Kapusta mi raccontò di avr perso la sciarpa. Non una sciarpa qualunque, no. Quelle sinteticone, industriali e di scarsa qualità acquistate in saldo, quelle son tutte al sicuro nell’armadio. La sciarpa, proprio lei. La sciarpa in puro cachemire lavorata con i ferri del 3 che avete sferruzzato giorno e notte provocandovi una tendite infiammatoria per essere sicure di terminarla in tempo per il suo ritorno da Mosca per il vostro primo Natale. Quella che avete ricominciato 4 o 5 volte, perché inizialmente volevate fare dei punti operati ma poi vi siste rese conto che la maglia rasata è quella che valorizza meglio il cachemire. Quella che vostra madre vi ha sorpreso a sferruzzare alle 3 di notte con l’influenza e la febbre a 40° durante le vacanze chiedendovi: “Ma devi finirla domani?”. L’ha persa. L’ha P-E-R-S-A, signore e signori.

Bene, non mi dilungherò oltre sulle inenarrabili voglie di strozzamento/soffocamento/avvelenamento da cui sono stata colta.
Mi soffermerò invece sul fatto che, siccome sembro solo cattiva, ma in fondo in fondo (ma proprio in fondo) non lo sono, ho deciso di rifargliene un’altra. Non proprio uguale e con lo stesso filato, che oltretutto potete immaginare che mi fosse costato una discreto patrimonio e soprattutto non avevo voglia di rivedere le signorine Puzzasottoilnaso del negozio di Como dove l’avevo acquistato. Ma visto che il Signor Kapusta si è giustificato dicendomi: “Usavo solo quella perché nessun’altra mi teneva così caldo” (e tte credo…), ho deciso di cercare un filato di puro cachemire.

La prima volta avevo utilizzato il cachemire di Cardiff, filato di ottima qualità anche se un po’ antipatico da lavorare. Quest’anno dopo attento studio di mercato, mi stavo per orientare verso lo stesso, quando poi sono capitata per puro caso sul sito di Gomitoli’s.

Il concetto mi è piaciuto subito. Dietro alla fantasiosa storia raccontata sul sito, si cela in realtà la storica azienda Filati Biagioli Modesto di Montale, vicino Pistoia, che dal 1919 produce filati di alta qualità e vanta collaborazioni di tutto pregio con le case di alta moda più conosciute. Ulàlà! La Filati Biagioli Modesto inoltre vanta filati naturali composti solo da fibre nobili (cashmere per l’appunto, seta, cammello, angora, alpaca, lino, merinos extrafine). Unica nota che personalmente mi fa storcere un po’ il naso è che le fibre “sono selezionate nelle regioni di origine”, come recita il sito. Ora, purtroppo si sa che la produzione di lana ed affini implica in molti paesi pratiche cruente e crudeli nei confronti degli animali, e questo è un punto sul quale sono sempre più attenta e cerco di informarmi. Per il momento purtroppo non ho ancora approfondito a sufficienza per sapere dove e come fare per scegliere dei filati cruelty free, posto che esistano. Se qualcuna di voi ha delle buone idee o dei buoni contatti da condividere, la invito a farlo nei commenti oppure via email.

Sulla Gomitoli’s potete trovare delle informazioni interessanti su questo articolo di Repubblica che spiega molto meglio di quanto potrei fare io le strategie di comunicazione che ne fanno un marchio davvero interessante che mi riprometto di seguire nei prossimi anni.

Segnalo inoltre che al momento è in atto una promozione davvero interessante con sconti del 50% su praticamente tutto il sito.

Insomma, morale della favola ho ordinato dei bei gomitoloni di puro Cachemire a 4 capi da 175 m per 50 gr a soli – udite udite – 9€45 il gomitolo. Unico inconveniente è che ho ricevuto al posto dei miei gomitoli 4 capi dei gomitoli da 6 capi (115 m per 50 gr), ma poiché non ho un progetto con parametri stringenti e poiché il prezzo è lo stesso, ho deciso di tenere i gomitoli ed adattarmi in base alla resa (ah, sarò costretta a lavorarli con un 4.5/5 invece che con un 3.5, davvero una tragedia, che dite?).

image

image

Poi, tanto per gradire, mi sono detta che dovevo consolarmi dalla mia cocente delusione per la preziosa sciarpa andata perduta, mi meritavo anch’io un regalino e così ho ordinato anche dei gomitoli di Angora mista poliammide (112 m per 25 gr a 3€15).

image

I gomitoli sono arrivati con corriere espresso in un paio di giorni, l’imballaggio è particolarmente curato e devo dire che anche il packaging non è per niente male!

image

image

image

image

Anche Milla e Asia approvano!

image

Ehm, si non troppo, la lana è mia!!! Giù le zampe!

image

E voi conoscevate questa casa? Avete già lavorato i filati Gomitoli’s?

 

Annunci

8 pensieri su “Una scoperta lanosa: Gomitoli’s

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...